smarketing° smarketing: una rete di professionisti della comunicazione e dell'etica di impresa

Stand by me – Codici ricerca e intervento

Comunicazione visiva Ricerca e progettazione digitale Scrivere chiaro e breve Social media

standbyme1

CHI

Codici ricerca e intervento  è un’organizzazione indipendente; persegue una “società più giusta e meno diseguale, fatta di persone libere e di sistemi capaci di promuovere benessere e cittadinanza“.
Lo fa attraverso formazione, consulenza e valutazione, progettazione e laboratori, percorsi di ricerca e trasformazione in ambito sociale.

Noi siamo stati coinvolti all’interno del progetto europeo Stand by me, volto a rafforzare l’autonomia dei care-leaver cioè dei giovani che (di solito quando compiono 18 anni) escono dai sistemi di protezione e accoglienza, in 4 paesi europei: Italia, Romania, Cipro e Svezia.

Codici ha scelto di affidarsi a smarketing° perché da sempre lavoriamo nel terzo settore, nella cultura visiva, nella facilitazione sociale e perché siamo allenati a co-progettare le nostre realizzazioni con l’utenza, anche in situazioni non idilliache.
E perché abbiamo un’idea “alta” del gioco, tra noi c’è chi nel secolo scorso ha lavorato con Bruno Munari e pubblicato assieme a lui per Bruno Danese.

Insieme abbiamo realizzato il Gioco da Tavola e la comunicazione del progetto.

Le esigenze del cliente erano:

  • creare un gioco graficamente interessante
  • open source,
  • ideato in modo partecipato con giovani care leaver, professionisti e policy makers;
  • che fosse giocabile da ragazzi da circa 16 anni in su;
  • che facesse da ponte per un’approfondimento con i professionisti sulle tematiche dell’autonomia;
  • capace di promuovere equità di genere, scardinare discriminazioni, promuovere soluzioni alternative;
  • capace di educare a soluzioni win-win ai problemi, laddove si pensa troppo spesso a soluzioni individuali e competitive
  • il giocatore si deve immedesimare in un “personaggio” che non necessariamente gli somiglia, quindi per giocare bene bisogna immaginarsi motivazioni ed identità diverse dalla propria;
  • con regole semplici e giocabile in circa 45 minuti;
  • stampabile anche in economia e autonomia;
  • con la parte testuale separata, traducibile nelle quattro lingue nazionali e volendo anche in qualsiasi altra, facilmente reperibile e scaricabile in internet.

 

COSA E COME

Abbiamo curato la comunicazione del progetto (tranne il logo che era stato creato precedentemente).

Una parte del lavoro è stata quella solita di una normale agenzia: carta intestata, biglietti da visita, cartoline, modelli di presentazioni a slide…  noi l’abbiamo fatto utilizzando strumenti opensource, declinabili in autonomia dalle diverse realtà nazionali, e abbiamo impostato i modelli su canva.com (semplice, popolare, gratuito ma efficace) con una formazione abilitante per permettere l’utilizzo autonomo.

La parte più eccitante e impegnativa, per noi di smarketing°, è stata la grande sfida: ideare da zero un gioco da tavolo di questa portata.

La fase di studio

Prima di cominciare abbiamo provato e analizzato parecchi giochi da tavolo e di ruolo, famosi e non. Così abbiamo potuto abbozzare un’idea che poi abbiamo sviluppato a Brasov, in Romania, dove abbiamo co-ideato la prima bozza del gioco insieme col gruppo transnazionale di professionisti (educatori, insegnanti, legali, assistenti sociali, psicologi) e soprattutto insieme a loro: i ragazzi e le ragazze che vivono o hanno vissuto in sistemi di protezione e accoglienza (rumeni, svedesi, italiani e ciprioti). I sei personaggi, le sfide e alcune regole sono nate lì, insieme.
Tornati a casa abbiamo “solo” dovuto sistemarle: mesi di aggiustamenti e rettifiche di tipo grafico, tecnico e algoritmico, via via che procedeva il collaudo da parte di Codici e dei 300 tra professionisti, stakeholder e policy maker del settore.

Caratteristiche del gioco

Adesso (primo semestre 2020) possiamo già affermare che il gioco sarà effettivamente utile ai giovani per affrontare le grandi sfide della vita (casa, lavoro, cultura, affetti, salute, benessere, emozioni).
Darà degli strumenti psicologici e critici nel cammino verso l’autonomia, le responsabilità personali e quelle collettive.

Enfatizzerà l’importanza  delle alleanze, che possono essere preziose per affrontare eventi inaspettati e cambi di percorso. Infatti scopo di ciascun giocatore apparentemente è vincere, come in un normale gioco competitivo; ma giocando ci si accorge che si va avanti solo collaborando insieme.

Noi di smarketing° diamo molta importanza alla sostenibilità economica della realizzazione e alla forza della collaborazione.
Se avessimo suggerito la classica edizione di un gioco in scatola cartonato e patinato, sarebbe stato più lussuoso, prestigioso ed elegante, e anche più facile da progettare, ma decisamente più costoso.
Invece abbiamo proposto un gioco duplicabile con un budget tendente a zero: facile da scaricare e auto-stampabile con qualsiasi stampante in bianco e nero.
Abbiamo scelto una grafica che funzionasse in qualsiasi paese, perché le istruzioni sono a parte, basta tradurle e stamparle in forma di testo. Anche le cartelle (i segnapunti di ciascun personaggio) sono traducibili e stampabili in ogni lingua; i files sono anche personalizzabili, modificabili ed aggiornabili per le singole esigenze.

Come funziona

L’esagono era già il logo del progetto; l’abbiamo proposto come forma geometrica delle carte creando così una game board di 39 carte componibile a nido d’ape. Le carte, così disposte, sono anche la scacchiera. Ogni volta il piano da gioco risulta diverso.
Le diverse illustrazioni del dorso distinguono le tre categorie delle carte necessarie per giocare.

standbyme4

Le carte da gioco di si distinguono in diverse tipologie (sfide, personaggi secondari, avversità/opportunità, task, emozioni e jolly).
Tutte illustrate in bianco e nero con un codice alfanumerico per individuarle facilmente nelle istruzioni e codice colore per distinguere le varie tipologie a vista.
Per ogni carta ci sono sei possibili storie, legate al lancio del dado, che sono state organizzate nel libretto delle “storie”, che affianca quello delle istruzioni vero e proprio.

Infine c’è la “player chart”, una scheda in cui i giocatori inseriscono i propri livelli di risorse (tempo, energia, felicità, soldi), gli obiettivi raggiunti e le relazioni attivate con gli altri personaggi durante il gioco. Anche qui abbiamo utilizzato l’elemento esagono per gli elementi grafici.

Ogni gruppo di giocatori viene incentivato a raccogliere a livello comunitario un punteggio alto per innescare con altri gruppi una competizione positiva.

Il gioco finisce al termine del tempo prefissato dal conduttore del gioco (Master) oppure perché uno dei giocatori va a zero in una delle risorse. Prima che ciò avvenga i giocatori possono scambiare risorse fra di loro (se sono in connessione), per risollevare la comune sorte. Un motivo in più per prestare attenzione e aiutare i propri compagni di gioco.

standbyme2

Info

Chi volesse saperne di più sul progetto e il gioco di Stand by me può rivolgersi direttamente a Codici oppure seguire il progetto su facebook o instagram.

Presto il kit del gioco, modificabile e stampabile, sarà disponibile per il download su GitHub.